ATTIVITA' TECNICO-AMMINISTRATIVE



LAVORI



SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI

Nell'ambito dei lavori di consolidamento legati ai fenomeni erosivi e franosi di origine idraulica il Consorzio Forestale ha adottato da anni le pił moderne tecniche di ingegneria naturalistica.

L' ingegneria naturalistica utilizza le piante vive o parti di esse come materiale di consolidamento e costruzione (legno e sassi).

Le opere di ingegneria naturalistica rientrano nel pił ampio filone degli interventi di mitigazione ambientali, progettati e realizzati a seguito degli studi di impatto ambientale.

Infatti, quando si progetta un intervento (in ambito agro-silvo-pastorale), deve essere stato individuato dopo aver preso in considerazione le possibili alternative progettuali e valutato l'impatto ambientale che provocherebbe nel sistema rurale e montano.

Gli elementi principali che contraddistinguono l'intervento di ingegneria naturalistica da quello tradizionale sono l'accurata selezione delle specie vegetali da impiegare, grazie all'utilizzazione di miscele di sementi di specie erbacee autoctone, di specie arbustive e arboree da vivaio, talee, o ricorrendo al trapianto di zolle erbose, a stoloni e rizomi e l'abbinamento della funzione di consolidamento con quella di reinserimento ambientale e naturalistico.

La finalitą degli interventi di ingegneria naturalistica sono:

  • tecnico-funzionali: antierosive, drenaggio delle acque superficiali e profonde e di consolidamento di scarpate o sponde;
  • naturalistiche: ricostruzione a innesco di ecosistemi para-naturali, mediante l'impiego di specie autoctone;
  • paesaggistiche: ricucitura ambientale al paesaggio naturale circostante;
  • economiche: le strutture sono competitive ed alternative ad opere tradizionali.

torna a "scopi del Consorzio"